Eternit → Solare

Salento: dall’Eternit al Solare

Durante il mese di agosto 2009 Acqualibera ha seguito i lavori di ristrutturazione di un ex frantoio oleario nel basso Salento, in provincia di Lecce.

In particolare, bonificata la copertura in eternit, è stato realizzato un tetto ventilato con integrati 20 moduli fotovoltaici in silicio amorfo.

Il numero di moduli è quello necessario a soddisfare il consumo di energia dell’abitazione adiacente.

0a.jpg

0b.jpg

All’inizio del mese, terminate le pratiche burocratiche e avuta certezza sui tempi di fornitura dei materiali, si è dato il via alle operazioni.

Nelle foto sotto la situazione di partenza:

2.jpg

3.jpg

4.jpg

 5.jpg

6.jpg

La maggior parte dei lavori si sono svolti in economia, a cominciare da quello di fabbricare delle altre travi: la struttura esistente, per reggere il maggior peso del nuovo tetto, doveva essere rinforzata con una nuova trave ogni due.

7.jpg

8.jpg

La rimozione delle lastre di eternit invece è stata fatta da una ditta specializzata che le ha impacchettate e portate via,

9.jpg

 10.jpg

11.jpg

 12.jpg

creando di fatto un nuovo spazio e liberando la fantasia di chi vi entrava: qualcuno ci avrebbe fatto una sala per incontri, altri una balera o un ristorante (suggerimenti utili magari per il futuro, perchè per ora sarà a servizio di attività legate all’agricoltura).

13.jpg

 14.jpg

Sollevati dal peso dell’amianto, il giorno dopo alla buon’ora si è cominciato a posizionare le nuove travi,

 15.jpg

16.jpg

e poi via di seguito, un lavoro dopo l’altro, per paura che nella stanza con il cielo arrivassero anche le nuvole,

17.jpg

cosa che infine è anche successa, ma con una pioggia che è durata giusto il tempo di fare una foto, godersi la scena e dare il via alle grandi pulizie:

18.jpg

delle vecchie travi, che poi sono state riverniciate, e dei muri interni che negli anni, tra olive e sansa, erano diventati un pò neri

19.jpg

20.jpg

per poi passare a quelli esterni che un pennello non lo avevano visto mai!

21.jpg

Nel frattempo, con una puntualità quasi svizzera, sono arrivate le lastre con il fotovoltaico, oltre ai pannelli coibentati e i profili omega necessari a costruire il tetto ventilato:

22.jpg

 23.jpg

ed è potuto cominciare il montaggio della nuova copertura con…cielo sereno o poco nuvoloso, temperature nella media (di agosto) ed un’umidità da far paura!

 24.jpg

 25.jpg

26.jpg

Alla fine del montaggio la situazione si presentava così:

27.jpg

Non male vero? Migliorabile imbiancando le pareti, ridipingendo porte e finestre…

28.jpg

29.jpg

 30.jpg

31.jpg

32.jpg

 Ora quel che resta la cosa essenziale: vedere al più presto il contatore girare, girare, girare!

 Out amianto - In fotovoltaico”

Il progetto che prevedeva di sostituire l’amianto presente sui fabbricati di edilizia residenziale pubblica con impianti fotovoltaici, (varato nel 2008 dalla società che gestisce il patrimonio di edilizia pubblica dei comuni di Firenze, Sesto Fiorentino, Scandicci, Signa, Lastra a Signa, Reggello, Figline e Pelago) ha ad oggi raggiunto il risultato di 9.120 metri quadrati di coperture sostituite e 6.267 metri quadrati di pannelli installati e superato il milione di Kwh prodotti!!! Ulteriori informazioni su http://www.casaspa.it/

 Post.Carbon.Cities.

Guida alla società post petrolifera

autore: Daniel Lerch (esperto delle modalità di risposta al picco del petrolio da parte delle amministrazioni locali) del Post Carbon Institute, Sebastopol, California, USA, www.postcarbon.org

La guida partendo da un’analisi dei consumi attuali di petrolio e in generale dei combustibili fossili e dal fatto che la loro limitata disponibilità non ne permetterà ancora più in futuro costi relativamente bassi, oltre che dalle conseguenze di questo consumo, indica cinque principi guida nei processi decisionali e nella pianificazione delle amministrazioni locali che permettono di affrontare questa realtà nel lungo termine, fornendo innumerevoli esempi di città che hanno intrapreso questa strada; lo spirito è quello di affrontare una realtà globale attraverso un’azione che parte dalle singole comunità, che mettendo in rete le loro esperienze (in Italia l’associazione “comuni virtuosi” e il gruppo di studio http://www.transitionitalia.it, oppure www.postcarboncities.net) faciliti il lavoro di quegli amministratori che vogliono intraprendere lo stesso percorso.

Il testo inglese è stato tradotto e reso disponibile gratuitamente:

http://transitionitalia.wordpress.com/2010/09/13/post-carbon-cities-in-italiano/

 QUANTO VALE IL RISPARMIO ENERGETICO?

spingimi-vento.jpg

Rapporto 2009 sulle detrazioni fiscali del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici

L’Unità tecnica efficienza energetica dell’Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) ha pubblicato gli ultimi dati disponibili, risalenti al 2009, sulle detrazioni fiscali del 55%. Questi alcuni degli elementi più interessanti:

- 237mila interventi di risparmio energetico effettuati per la maggior parte si tratta di persone fisiche (94%) e solo marginalmente di persone giuridiche (6%), ancora troppo poche, soprattutto per interventi su edifici di tipo residenziale.
- la metà delle pratiche riguarda la sostituzione degli infissi seguite da sostituzione di caldaie (circa 30% del totale) e l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria ( 15% del totale). Meno gettonate la coibentazione di strutture opache orizzontali e verticali.
- il risparmio energetico ottenuto è stimato in circa 1.510 GWh annui di energia (produzione annua di circa 700- 800 delle più grandi pale eoliche installate attualmente).

Liberamente tratto da http://www.ecodallecitta.it/notizie.php?id=106011, Per un’analisi del costo dei vari interventi e del risparmio ottenibile, variabili da regione a regione si consiglia la lettura del rapporto completo disponibile all’indirizzo su indicato.

 Bolzano, da metà 2011 le nuove case dovranno essere in classe energetica B

significa che una costruzione non deve superare il fabbisogno energetico annuo di 50 kWh (kilowattora) per metro quadrato (circa 5 metri cubi di gas consumati al metro quadro). Da aggiungere che già ora numerosi costruttori edili e committenti altoatesini hanno orientato le loro scelte in base alla classe energetica CasaClima B. tratto da http://www.ecodallecitta.it/notizie.php?id=105199